Cerca
Close this search box.

Junior Cally: Explicit Content?

La kermesse più discussa degli ultimi anni vanta anche un membro mascherato.

Col nome Junior Cally si può pensare al famoso cantante raggae proveniente dalla Jamaica, ma se state seguendo un minimo tutto il percorso che ci sta portando alla settantesima edizione del Festival di Sanremo sapete perfettamente che non stiamo parlando di lui.
Il JUNIOR CALLY  (rigorosamente in capslock) in questione è Antonio Signore, rapper e produttore romano il quale fa parte della kermesse dopo non poche critiche che hanno messo a rischio la sua presenza sul palco dell’Ariston.


Le accuse rivolte al nostro ragazzone della leva ’91, sarebbero quelle di aver utilizzato un linguaggio forte,esplicito e poco rispettoso nei confronti del gentil sesso in brani come ”Si chiama Gioia” o “Strega”, entrambi usciti nel 2018. Considerando che la gogna mediatica “femminista” si era già attivata dopo le dichiarazioni del conduttore e direttore artistico Amadeus,  JUNIOR CALLY corre ai ripari chiedendo pubblicamente scusa, il che poteva far ben sperare in un ”passo indietro”, se non che poco dopo si giustifica dicendo che il linguaggio utilizzato per fare rap molto spesso è crudo e violento e che gli dispiace che qualcuno si sia sentito ferito da questo modo di esprimere la sua arte, probabilmente non sono ascoltatori assidui del genere.
Sì,forse ha ragione. Però le immagini dei video musicali  affiancati dall’avvertenza”Explicit” non sono fraintendibili da nessuno, qualunque sia la musica ascoltata.


Ma cosa dice in questi testi? Il mago della rima baciata ci stupisce con una poetica per niente banale con un verso che fa: “si chiama Gioia e fa la troia”. E noi che pensavamo che chiamarsi Federica fosse un incubo per via della famigerata mano amica.
Oppure: ”Le ho strappato la borsa, ci ho rivestito la maschera”. Già, un altro cantante che si presenta sul palco in incognito a quanto pare. Altra scelta stilistica originale, effettivamente non lo stanno facendo in tantissimi, cronologicamente possiamo partire dai “Tre Allegri Ragazzi Morti”, per arrivare a”MYSS KETA” se volessimo portare qualche esempio.
Un artista giovanissimo con una carriera davanti, che vanta due album, un libro e uno scandalo di dimensioni discretamente importanti.
Comunque nelle sue ultime dichiarazioni condanna e schifa ogni tipo di violenza contro le donne, dicendo di avere una mamma che ama follemente e una ragazza meravigliosa che gli sta accanto (NB: ACCANTO).
Per il resto non ci resta altro da fare che attendere che si accendano le luci del palco dell’Ariston e che si esibisca col suo ”No grazie”, brano esplicitamente politico che tocca temi come razzismo e populismo (attaccandoli, credo che vada specificato).

TESTO “NO GRAZIE”, JUNIOR  CALLY

Non ho i superpoteri
Ma tra tutti riconosco
Chi fa la voce grossa
Sempre e solo di nascosto
Dovrei puntare il dito contro
E fare il populista
Non fare niente tutto il giorno
E proclamarmi artista
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
Ogni mattina
Avrà l’oro in bocca
Finché ho i soldi nascosti nel letto
Con la resistenza
Alla dittatura
Del politicamente corretto
Il mio sogno è quello di arrivare in alto
Senza spendere i soldi di un altro
Faccio cattivo viso
A buon gioco
E anche se sono bello
Non piaccio
Non ho i superpoteri
Ma tra tutti riconosco
Chi fa la voce grossa
Sempre e solo di nascosto
Dovrei puntare il dito contro
E fare il populista
Non fare niente tutto il giorno
E proclamarmi artista
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
Spero si capisca che odio il razzista
Che pensa al Paese ma è meglio il mojito
E pure il liberista di centro sinistra che perde partite e rifonda il partito
Si chiedono “questo da dov’è uscito?”
Dal terzo millennio col terzo dito
Parlare di eccesso non è eccessivo
Sono il fuori programma televisivo
Non ho i superpoteri
Ma tra tutti riconosco
Chi fa la voce grossa
Sempre e solo di nascosto
Dovrei puntare il dito contro
E fare il populista
Non fare niente tutto il giorno
E proclamarmi artista
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
Giuro la smetto con sta storia del rap
Voglio scrivere canzoni d’amore per la mia ex
Trovarmi un lavoro serio e diventare yes man
Insultare tutti sì ma solamente sul web
No grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie
No no
No no
No – no grazie