Cerca
Close this search box.

L’UE pensa alla salute mentale dei lavoratori

La pandemia da covid-19, oltre agli evidenti impatti sulla vita sociale dei cittadini europei, ha portato anche profondi cambiamenti nel mercato del lavoro e alle condizioni lavorative in Europa. Il fatto che – dalla pandemia in poi – numerosi cittadini trascorrano la parte preponderante delle loro vite “connessi” al lavoro ha contribuito enormemente alla precarizzazione della salute mentale. Ora il Parlamento europeo chiede una strategia ad hoc.

A cura di Erika Branca

Europhonica IT
Europhonica IT
L'UE pensa alla salute mentale dei lavoratori
Loading
/
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
WhatsApp